martedì 31 dicembre 2013

Il candido albero di Natale


immagine dal web con composizione automatica di Google
(deve adorare gli alberi)!!!!



Un tempo nei paesi disseminati qua e là sui monti, la neve era di casa per lunghi mesi ed occupava ogni spazio.
Sulle pagine immacolate di neve fresca, di buon mattino, la gente poteva leggervi le ultime notizie, stampate durante la notte  lungo la viuzza che dalla chiesa  porta alla piazza della fontana e poi al castello : si potevano individuare  le orme del passo frettoloso della rezdora  che aveva raggiunto la vicina di casa per chiederle in prestito un pizzico di lievito per fare il pane l'indomani; apparivano i passetti leggeri e disordinati dei monelli  che si erano attardati più del solito  a fare del chiasso; ben più marcate e sovrapposte balzavano fuori le impronte  degli scarponi degli uomini rincasati, discutendo, dopo un'animata partita a carte o a morra, all'osteria.
 Al limite del paese, dove l'ampia coltre bianca andava ispessendosi di mano in mano, che si avvicinava ai boschi di confine, sempre la neve annunciava le notizie, per così dire, "sportive": scorribande di cani, perlustrazioni di volpi, fughe di lepri.
Gli alberi silenziosi drizzavano i loro rami al cielo, nudi, rattrappiti dal gelo, mentre dal cuore profondo della terra usciva come un pianto segreto e sottile: era l'ultimo segno di vita per il sopraggiungere della stagione invernale.
Sopratutto la foresta con le sue incalzanti sequenze di abeti e di pini che, inseguendosi a perdita d'occhio fino a raggiungere gli occhi splendenti dei laghi, era sprofondata nel sonno, chiusa in un silenzio inviolabile.
Sotto quella  soffice trapunta di neve, si erano accasati gli ospiti del bosco, dopo aver rallegrato l'estate, in attesa di uscire ai primi tepori primaverili. 
Solo un tenue bisbiglio di arcane parole turbava l'incanto di quella grande vigilia : erano gli abeti con indosso quello splendido look di stagione a pronosticare chi di loro avrebbe avuto l'onore di scendere a valle a dare spettacolo alla gente, nel paese già sfolgorante di luci ed animato di voci di festa. "Io sono rimasto troppo piccolo" diceva uno di essi " sono cresciuto sempre all'ombra degli altri e non posso sperare di essere scelto". "Io sono rimasto un po' bassotto e non potrei fare una grande figura, perchè gli uomini cercano quelli di bell'aspetto" aggiungeva un altro. "Io sono invece un po' storto : nessuno mi ha mai guardato prima e tanto meno adesso" mugugnava un terzo. E poi tutti concordemente additarono  l'albero vicino, dicendo: "Lui che è cresciuto più alto, che ha invaso coi suoi rami anche i nostri spazi, che ha beneficiato del nostro sole, che tocca il cielo con la sua folta chioma, piacerà di più di tutti al boscaiolo!"
Si rassegnarono così, dopo aver constatato la situazione e riposta ogni speranza di gloria, a restare come sempre nel bosco, anche durante la festa più grande dell'anno, il Natale.
Dopo quella notte convulsa, quando ancora qualche stella sonnacchiosa si attardava nel cielo, giunse ansimante un uomo con la scure sulle spalle, che passo' rapidamente in rassegna gli alberi, commentando fra sè: "Questo è troppo piccolo, questo è basso, quello addirittura è storto..." e così via.
Giunto davanti a quello alto, frondoso e ben formato, non ebbe dubbi: mise mano alla scure  e cominciò a tagliare. Risuonarono nella foresta quei colpi ben assestati, un tonfo ed eccolo a terra. 
Vennero altri in aiuto per portarlo via in spalla , con delicatezza , per non sciuparlo.
 I suoi compagni  che erano rimasti attoniti a guardare, nel salutarlo provarono rincrescimento e anche invidia, pur sentendosi avvantaggiati per lo spazio creatosi e per il pezzetto di cielo in più da godere.
Intanto il prescelto raggiunse la piazza del paese, tra l'entusiasmo della gente che si affrettò ad ornarlo di festoni, ad impreziosirlo di doni ed ad avvolgerlo di sfolgoranti luci colorate. Si fermavano i passanti ad ammirarlo, i bambini a comporre un coro di grida festose, come già nel bosco facevano gli uccelli.
Ma quell'incanto durò solamente per il periodo natalizio e poi il festeggiato venne spogliato di tutto, senza remissione, come un condannato a morte. La gloria e la felicità erano sfumate per entrare nei ricordi: addirittura la sua presenza dava fastidio, ingombrava il transito. 
I rami, percorsi da un brivido  funesto, lasciavano cadere gli aghi, già verdi e scintillanti.
Un mattino, lo stesso boscaiolo che lo aveva prescelto e trattato con tanta cura, ripresa la scure lo ridusse  in pezzi destinati al forno di casa. 
 Gli altri alberi del bosco, che  avevano trascorso il Natale al buio e nel silenzio sotto una coltre di stelle, quando conobbero il triste epilogo del loro fratello, alto, bello, orgoglioso, provarono immensa tristezza; quell'invidia che prima avevano in cuore, si mutò in compassione nel constatare  come la gloria e gli onori hanno spesso una breve stagione e si tramutano talvolta in dimenticanza  o in disprezzo. 
Capirono che nell'umiltà, nella semplicità, più che altrove, stanno la vera beatitudine e la gioia di vivere.

Tratto da un bellissimo libro di leggende parmigiane di Enrico Dall'Olio




Ho pensato di salutarvi così 
con un arrivederci a presto ... 
nulla finisce e tutto ha un seguito ...
e se non avrete tempo 
mi piacerà se  tornerete  qui a leggere 
questa breve
leggenda  natalizia per i vostri bimbi 
oppure per Voi, se ancora amate le favole
a me è piaciuta tanto e spero giunga gradita anche  a Voi 
sembra un po' terribile,  ma  tanto realistica ...
a Voi tutte un abbraccio grande  e 
auguri per un Anno colmo
di :
.................
..................
 ..................
e  ancora 
.................

Lo deciderete Voi.
giusi

31 commenti:

  1. Ciao, Giusi, tornerò con calma a leggere il tuo racconto, ora devo scappare. Tanti auguri per un 2014 creativo e sereno e anche per te.................................... Qui ci metti quello che desideri. Un abbraccio. Tina

    RispondiElimina
  2. Buon giorno cara Giusi. Passo adesso perchè più tardi diventerà difficile. Ma ci tenevo tanto a farti i miei più sinceri auguri di un felice 2014, per te e famiglia! Saluti affettuosi
    Margherita

    RispondiElimina
  3. AUGURI AUGURI AUGURI
    Tesorino ti auguro un sereno anno nuovo
    Amelina

    RispondiElimina
  4. Ciao Giusi!! che bella atmosfera.. ti faccio tanti tanti Auguri di Buon Anno tanta serenità un abbraccio Dani

    RispondiElimina
  5. CHE BELLO GIUSI STUPENDO GRAZIE DI QUESTO BELLISSIMO AUGURIO!BUON ANNO TI ABBRACCIO FORTE SIMONA

    RispondiElimina
  6. Che bellissima storia hai trovato! Si legge molto volentieri.
    Ti rinnovo il mio augurio più affettuso per un anno pieno di novità positive, salute e serenità!
    Un abbraccio
    Chiara

    RispondiElimina
  7. Giusy che meraviglia!!! Per un attimo ho sentito l'odore della legna, del fuoco e quella calda atmosfera di quiete famigliare... Tanti auguri di buona fine anno e speriamo che il prossimo sia migliore^^ un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Bel racconto Giusy, grazie. Auguri Emanuela

    RispondiElimina
  9. Grazie Giusi, per noi che non siamo più bambini anche le favole ci servono per farci riflettere, Amalia

    RispondiElimina
  10. Tantissimi auguri!!!!
    Un sorriso
    Anna

    RispondiElimina
  11. Che splendide immagini evocano queste parole!
    Ti auguro uno splendido 2014!!
    Bacioni
    Gio

    RispondiElimina
  12. grazie per queste belle parole che hai condiviso con noi! :) ti faccio tantissimi auguri per un meravgilioso nuovo anno!
    Baci
    Clelia

    RispondiElimina
  13. Bellissime queste parole... tanti cari auguri anche a te!! un abbraccio

    RispondiElimina
  14. Ciao Giusi, anch'io auguro a te un anno pieno di ciò che vuoi tu. =)
    Daniela

    RispondiElimina
  15. Giusy, che tenerezza, mi fa ricordare le favole che raccontavo a mio figlio da piccolo!!!
    Auguro a te e famiglia, un 2014 con tantissima gioia e felicità!!!!
    Bacioni
    Nancy

    RispondiElimina
  16. Se non esistessero le favole la vita sarebbe ancora più difficile e pesante.....dovremmo leggerle più spesso....non solo i bambini....ti fanno riflettere e insegnano sempre qualcosa! Io la tua lo letta tutta e ti ringrazio di questo regalo di fine anno!Cara Giusi il nuovo anno è appena iniziato,ed io auguro a te e famiglia un anno pieno di amore, salute,serenità e di altri beni che desideri!.Un abbraccio grande ed affettuoso,Andreana

    RispondiElimina
  17. Buon anno cara Giusi con un abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
  18. Carissima Giusi,
    Buon Anno a te ad alla tua famiglia!
    Un grande abbraccio e tanti auguri di cuore!!
    erba

    RispondiElimina
  19. Dear Giusy, Best Wishes for 2014!!! Hugs! judy

    RispondiElimina
  20. Grazie per averci regalato questa storiella :)
    e tanti auguri, per un 2014 ricco di sorrisi e di creatività. Un abbraccio!

    RispondiElimina
  21. Bellissimo racconto. Com'è il titolo del libro che vedo di procurarmelo? Buona continuazione nel 2014. Tina

    RispondiElimina
  22. Molto bella Giusi, grazie per averla pubblicata, mi ha fatto molto piacere leggerla.
    Un abbraccio e tantissimi auguri per un sereno 2014
    Gabry

    RispondiElimina
  23. Una bellissima scoperta il tuo blog, è ricco di contenuti, di condivisione, di emozioni...Inizierò a seguirti con vero piacere!!! E aspetto con curiosità di scoprire il tuo My December in shots, un bel modo per conoscersi meglio ;-)
    bacini
    Meggy
    IMPOSSIBILE FERMARE I BATTITI //PAGINA FB

    RispondiElimina
  24. Ciao!
    Mi è piaciuta molto la storia che ha postato, molto toccante!
    A presto!
    Daniela - Mani di Dani

    RispondiElimina
  25. Ciao Giusy dopo la pausa Natalizia eccomi nuovamente da te. Come sempre bellissimi i post che posti, sono sempre ricchi di magia. Tantissimi auguri per questo nuovo anno, che ti porti meravigliose emozioni da vivere e condividere con noi...se vuoi Bacioni tua Tiziana.

    RispondiElimina
  26. ciao giusy nuova follower (180 in google friend connect) spero ti unirai ai miei sempre con google friend connect, ti aspetto sul mio blog ciao ^^
    http://lafloppola.blogspot.it

    RispondiElimina
  27. cara la mia Giusi ti auguro un 2014 pieno di tutto ciò che desideri
    Lu

    RispondiElimina
  28. Cara Giusi , dolcissima amica.... arrivo dopo essermi presa una piccola pausa dal blog durante queste vacanze . Ho letto questo racconto , che non conoscevo e che racconta una grande verità .... Ti auguro un nuovo anno sereno e in salute...tutto il resto poi vien da sè..... Un bacione cara Giusi

    RispondiElimina
  29. Ciao Giusi, ricambio con piacere la tua visita e mi unisco ai tuoi followers, vedo che una donna dolce e sensibile oltre che un brava cuoca.
    Buon anno e tanta tanta serenità!

    RispondiElimina

Grazie del tuo graditissimo passaggio. Giusi

L'opzione " Anonimo" è stata eliminata, a causa dei tanti spam

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...