mercoledì 14 ottobre 2015

La Vigna







Una vigna che sale sul dorso di un colle fino a incidersi nel cielo,
 è una vista familiare, eppure le cortine dei filari semplici e profonde appaiono una porta magica. 
Sotto le viti è terra rossa dissodata, le foglie nascondono tesori, e di là dalle foglie sta il cielo.

Da "Racconti" di Cesare Pavese, vol. II, "La vigna"














Qualcuno se ne è andato
lasciando tutto quello
che ha amato 






e il luogo,  generoso,
la terra....
gli alberi 
la vigna ....
restituiscono 
 l'amore ricevuto  nel  tempo



...."lefoglie nascondono tesori".......




Settembre è arrivato 
e ancora 
 la vigna attende 
il ritorno 



 avida
 di  ricevere ancora e ancora 
qualcosa che sa' di non poter  più avere 






così ti improvvisi 
perchè nulla vada perduto 





e scopri divertimento 
in gesti inconsueti 





io veramente avrei voluto 
usare i   piedi 





debitamente sterilizzati eh ??
immaginate la soddisfazione ...
quasi un gioco 




il ribollir dei tini 

e poi 




spillare il nettare 




quasi frizzante !!!!




una piccola damigiana di soddisfazione
 che a febbraio 
finirà in bottiglia 

ma ..........
se vi sarà una prossima volta 
sarà come 
nel film
"il profumo del mosto selvatico "


Con i piedi ....


per non andar perdute alcune mezze giornate 
di spensierata e frizzantina  felicità....


un abbraccio 

giusi 







35 commenti:

  1. Bellissimo questo racconto, bellissima l'atmosfera e la campagna in questo periodo, nell'aria si ode un dolce profumo di mosto e di marmellata che bolle e ribolle nei pentoloni.
    Vivo in campagna e non ti dico le massaie all'opera, alcune si mettono fuori casa a sgranare e schiacciare i grossi e corposi chicchi di Montepulciano.
    Buon proseguimento di settimana
    Nadia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che meraviglia Nadia ... questo tuo commento dal sapore antico
      la donzelletta vien dalla campagna in sul calar del sole col suo fascio dell'erba .
      un abbraccio anche a te

      Elimina
  2. Aspettavo queste racconto e queste foto che avevo visto in anteprima...............
    hai superato come sempre le mie aspettative!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e questo mi da' una gioia indescrivibile ... grazie di cuore a Te...
      bacio grande

      Elimina
  3. Bellissimo Il profumo del mosto selvatico... Uno dei miei film preferiti... E la scena della pigiatura dell'uva straordinaria, da brividi... almeno per una come me che ha sempre sognato di farlo...Lo scorso anno ho fatto il vino con gli zii del mio fidanzato, è stata una bella esperienza, ma abbiamo usato un torchio (non so come si chiami lo strumento che hai utilizzato tu, ma il nostro era diverso)... E' stato faticoso, ma anche meraviglioso... Sei fortunata... E la prossima volta, mi raccomando: a piedi scalzi...

    Maira
    Quano a te, sei fortunata ad avere vicino quel pezzo di terra

    RispondiElimina
  4. Abbiamo già constatato quanto ci somigliamo per certi versi ....si .... davvero incredibile quella scena e ici sono andata vicina :-) ....quell'atrezzo è una piccola macchina diraspapigiatrice ... in pratica separa gli acini dal raspo e li schiaccia ... ... tutte cose di mio cognato deceduto purtroppo il dicembre scorso ....e mia cognata , sorella di mio marito ... ci ha lasciato disporre di quel piccolo tesoro ..... credo che l'idea sia partita da me ....mio marito è molto molto pigro ...ma ... ce l'abbiamo fatta divertendoci davvero il raccolto poi era poco ... se avremo fatto bene lo sapremo in seguito ...ti farò sapere ... un bacione

    RispondiElimina
  5. Cara Giusi, ora è il tempo della vendemmia, vedendo queste foto mi ricordo quando spesso andavo a vendemmiare da conoscenti l'uva del prosecco...
    Quanta nostalgia mi ha portato tutte queste foto.
    Ciao e buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora sono certa che comprendi la bellezza di questi gesti !!!!... Come sono felice di rileggerti caro amico ...vuol dire che ti senti meglio e piano piano riprende a scorrere la vita normalmente ... un abbraccio con affetto

      Elimina
  6. Ciao Giusi, che belle le tue foto passo dopo passo! Vedrai che la vite si accorgerà di tutto l'amore che volete darle e vi regalerà sempre un'ottima annata!
    Buon lavoro!
    Isabella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se sapremo accudirla e coccolarla come si deve .... come ad un bambino ... un abbraccio

      Elimina
  7. Grande Giusi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Bellissima narrazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uao ....... e detto da te un vero privilegio .... bacio grande .... hic ..!!!!!

      Elimina
    2. Quando ci vuole ci vuole...hic... come è che ti vedo doppia???? hic.... ahahahahah

      Elimina
  8. è così bello non perdere il legame con la terra: faticoso, forse si, ma che gioia per il cuore...
    lori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione Lori ....sudore speso benissimo ... un abbraccio

      Elimina
  9. Giusi tu saresti quella che scrive troppo e a “vanvera”... ecco smettila di dire beeeeeep ....
    Bellissimo racconto che ci ha fatto arrivare un po’ di profumo di quel mosto..... che diventerà un ottimo vino visto l’amore messo nel farlo.
    Brava.... di più’ ;-)

    Un bacione
    Il Lupo ...

    PS I Toro sono decisamente pigri... io sono cintura nera di pigrizia... ma se si mettono a fare danno sempre il massimo... e non sono contenti fino a che il risultato non e’ come vogliono loro :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuro avevo paura fosse troppo patetico ....mi è sembrato carino presentare queste foto, che a me piacciono tanto, documentando due mezze giornate trascorse a giocare ai vinaioli ....con il sentimento e l'emozione che abbiamo provato nel farlo ....
      Non sai quanto sia contenta che ti sia piaciuto ...tantissimo ....grazie di cuore ....

      p.s. hai ragione anche sulle qualità del Toro ... è proprio così....


      un abbraccio

      Elimina
  10. che bello Giusi, belle le parole, le foto, il posto meraviglioso, l'uva il vino......un profumo che si sente fin qui.....
    un abbraccio grande ......
    simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simona .... è stato davvero bellissimo non sai la soddisfazione
      un abbraccio

      Elimina
  11. È stato un bel tuffo anche nella mia infanzia e nei miei ricordi di bambina nella bassa Padana..le famiglie si riunivano e noi bambini giocavamo tra i filari..ricordo benissimo il mezzo bicchiere di vino rosso con un cucchiaio di zucchero dove inzuppavo pane secco come merenda pomerdiana..allora non c'era la crema al cioccolato....certo è che non ricordo di aver avuto freddo !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È partito il commento prima che ti ringraziassi di aver condiviso la tua esperienza che ricorda il passato di molte persone ma sempre attuale...un abbraccio

      Elimina
    2. Chi ama la terra,, i ricordi,, le tradizioni ... non fatica ad ambientarsi e apprezza ogni emozione e la fa sua .... ....sono contenta che ti sei soffermata a a sognare guardando queste immagini.....
      p.s. la mia nonna per merenda ci preparava una fetta di pane con un filo di olio sale, un pizzico di pepe e limone ...meglio cento volte delle merendine ... non credi??
      un bacio grande

      Elimina
  12. Ragazza mia hai scritto un post bellissimo, poetico, struggente, dolce, frizzante... in poche righe sapienti suggerisci ricordi, emozioni, sapori, odori...
    Sei una persona meravigliosa che non si arrende mai <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco ci sei riuscita a farmi piangere .... ma è gioia se arriva questo ...
      grazie a Te Grande Anna ... meravigliosa sarebbe una ripetizione ....<3

      Elimina
  13. Che tu sia una fatina, con un clic sul tuo post: ci si trova in un posto sconosciuto ma molto bello, colori, profumi evocati dalla fantasia!! E alla fine del post.... che peccato, l'incantesimo è già finito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il posto c'è davvero ..è reale ..... nessuna fantasia e magia ....
      un abbraccio cara Emanuela

      Elimina
  14. Che bello il racconto di queste giornate "vignaiole" cara Giusi!
    Mi sembra di essere lì con te!
    Aspetto l'uva pestata con i piedi!!!!
    Un abbraccione Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e pensa quando imbottiglieremo !!!! si salvi chi può......
      bacio

      Elimina
  15. Che meraviglia giusi! Sembra che chi si è improvvisato lo ha fatto con lo stesso amore di chie se n'è andato. Certe cose restano alla terra e certe altre nel cuore <3 <3 <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissime parole Fabiola ... è vero è proprio così .... un abbraccio

      Elimina
  16. Ciao Giusi,
    farai come Celentano nel film "Il bisbetico domato" ?
    ;-p ^_^
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh si ... mi tingo la faccia ed io faccio la parte della Mami.... :)) che ridere ...

      Elimina
  17. Che bella la vendemmia... chissà com'era profumato quel nettare dorato!!!
    Un bacione
    A presto

    RispondiElimina
  18. Che insolita esperienza... certo con i piedi sarebbe stato più divertente... =)
    Dani

    RispondiElimina

Grazie del tuo graditissimo passaggio. Giusi

L'opzione " Anonimo" è stata eliminata, a causa dei tanti spam

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...